Pubblicato in: amore, Auto-Aiuto, consapevolezza, Crescita Personale, Libri, relazioni

In che lingua ami?

Si sente spesso dire che la cosa più importante per far funzionare una relazione è la comunicazione

Ho sempre pensato che questo volesse dire che bisogna parlare con il proprio partner, imparare a comunicare i propri bisogni, le proprie aspettative, e imparare a comprendere i bisogni e le aspettative dell’altro.

Almeno finché non sono venuta a conoscenza de I 5 linguaggi dell’amore di Gary Chapman. Adesso, ‘comunicazione’ di coppia per me ha un significato completamente diverso: non si tratta semplicemente di comunicare bene, ma di imparare a parlare la stessa lingua.

Secondo l’autore infatti ognuno di noi usa una lingua diversa per comunicare l’amore. 

Magari ti senti sola nella tua relazione, non ti senti amata, ma forse è solo perché tu parli cinese mentre il tuo partner ti sta parlando in tedesco.

Imparare a parlare una lingua diversa dalla nostra potrebbe richiedere tempo ed energie. Ma per continuare ad amarsi dopo i primi pochi mesi di follia, in cui tutto sembra facile ed entusiasmante, serve dedizione. L’amore forse nasce spontaneamente, ma per crescere e durare ha bisogno di attenzioni, di nutrimento. Continuamente. 

Chapman parla infatti di un serbatoio emotivo: quando è pieno, ci sentiamo amati e la vita ci sorride. Quando il nostro serbatoio si svuota…cominciano i problemi. Ci sentiamo soli, non amati, e magari arriviamo a pensare di avere scelto la persona sbagliata. La vita di coppia diventa più difficile.

Il compito di entrambi i partner è riempire il serbatoio dell’altro, e assicurarsi che non vada in riserva.

Secondo l’autore, il modo migliore per farlo è proprio imparare a parlare la lingua d’amore del nostro partner e comunicare il nostro affetto in quella lingua.

Dopo più di un decennio di consulenza matrimoniale Chapman ha individuato quelli che ritiene essere i 5 macro linguaggi più comuni.

Uno

Parole, Parole, Parole

Per alcuni di noi ricevere apprezzamenti verbali è quello che ci fa sentire più amati. Quindi una lusinga sul nuovo look, un complimento per un ottimo lavoro svolto sono il miglior modo per fare sentire a questa persona il tuo affetto. Ovviamente devono essere apprezzamenti sentiti e sinceri: la falsità ha le gambe corte!

Due

Regali

Fare e ricevere doni è un altro modo di parlare d’amore. Per chi parla principalmente questo linguaggio ricevere un pensiero vuol dire che l’altra persona ha dedicato tempo a pensare a noi, a cercare qualcosa da donarci per renderci felici.

Qui non stiamo parlando necessariamente di regali costosi, è davvero il pensiero quello che conta.

Tre

Rendersi utile

Se la cosa che vi fa più sentire amati è quando il vostro partner offre di fare un lavoro al vostro posto, una faccenda di casa che di solito fate voi, oppure una commissione, questo è il vostro linguaggio primario. Per parlare questa lingua bisogna mettersi al servizio dell’altro, e compiere azioni che semplificano la vita del tuo lui.

Quattro

Punto di contatto

Il tenersi per mano, l’abbracciarsi, le carezze: il linguaggio del contatto fisico. Sappiamo ormai che il contatto fisico con una persona amata è fonte di innumerevoli benefici: in un abbraccio il nostro cervello rilascia ormoni che ci fanno sentire bene, riducono stress e ansia, migliorano la pressione sanguigna e sembrano anche aiutare la memoria. Se questo è il linguaggio del vostro partner, abbondate in abbracci e baci, e un bel massaggio non guasta mai.

Cinque

Momenti Condivisi

Dedicare tempo di qualità allo stare insieme: avere un hobby in comune, conversare senza distrazioni, senza controllare il cellulare, senza guardare la tv. Avere del tempo con tutta l’attenzione dell’altro: questa la cosa più importante per chi parla questa lingua. Se vi distraete spesso mentre vi parla, o non prestate attenzione potrebbe pensare che non siete interessati a quello che ha da dire, e la farebbe sentire sola e non importante.


Questi sono i 5 linguaggi. Qualcuno dirà: ma io li voglio tutti e 5! Certo ricevere uno qualunque dei 5 linguaggi da una persona amata fa piacere, ma ognuno risponde diversamente ad ognuno di queste lingue. Ognuno di noi ha una preferenza, un ordine di priorità.

Magari continui a riempire di regali la tua ragazza, perché il dono è tuo linguaggio, ma quello che la farebbe davvero sentire amata è ricevere complimenti. Se non usi il suo linguaggio, il linguaggio delle parole, delle affermazioni di amore, dei complimenti, potrebbe non recepire completamente il tuo affetto. Il sui bisogni emotivi non sarebbero soddisfatti e il suo serbatoio a poco a poco si svuoterebbe.

Non possiamo usare la nostra madrelingua se il nostro compagno non la capisce. Se vogliamo che percepisca l’amore che vogliamo comunicare dobbiamo esprimere questo amore nel linguaggio che parla al suo cuore.

G. Chapman

Per questo è importante imparare in che lingua ama il tuo compagno. In realtà penso ci sia un passo che viene prima di questo ed è altrettanto importante. Infatti trovo che la cosa più triste sia che noi stessi spesso non conosciamo il nostro di linguaggio. Ci rendiamo conto che manca qualcosa nella nostra relazione, ma non sappiamo puntare il dito e dire: ecco, è di questo che ho bisogno. Spesso ci troviamo a delegare la nostra felicità all’altro con pensieri assurdi del tipo: se mi amasse davvero saprebbe cosa fare.

Se noi stessi non sappiamo di cosa abbiamo bisogno come possiamo pretendere che il nostro compagno lo sappia?  Per questo scoprire qual’è il tuo linguaggio primario è il primo passo se vuoi migliorare la tua vita di coppia. Solo così saprai di cosa hai bisogno, e potrai aiutare la tua compagna a riempire il tuo serbatoio.

Se sei curioso di scoprire il tuo linguaggio primario e quello del tuo compagno Chapman mette a disposizione un quiz a questo collegamento (in inglese!).


Non mi sento necessariamente di suggerire a tutti questo autore, onestamente è un po’ troppo orientato alla religione per i miei gusti. Se siete cristiani, potrebbe farvi piacere, ad altri magari non interessa questo aspetto. Indipendentemente dall’aspetto spirituale penso che la lunga esperienza di Chapman come consulente matrimoniale lo abbia portato a sviluppare delle idee interessanti per la vita di coppia, ed è questo che ho voluto condividere con voi. 

Secondo voi manca qualche linguaggio che l’autore non ha considerato? Rispondete nei messaggi, e se volete condividete il risultato del vostro test!

Ecco il mio risultato:

33% Momenti Condivisi

30% Contatto Fisico

17% Rendersi utile

13% Parole

7%   Doni


Buon San Valentino 💝!

Pubblicato in: Crescita Personale, Libri

Due modi per migliorare le nostre relazioni con gli altri

Sto leggendo questo libretto del 1936: Come trattare gli altri e farseli amici. 

È un po’ faticoso da leggere, pagina dopo pagina propone esempi e poi ancora esempi di come personaggi più o meno famosi hanno risolto un problema, o come hanno ottenuto il successo che hanno avuto.

Se poi ci aggiungi che questi personaggi, anche i più famosi sono ormai lontani nel passato e nessuno se li caga più, non ne viene fuori un bel quadro.

Eppure, questo libro mi sta cambiando la vita prima ancora di averlo finito di leggere.

Come trattare gli altri e farseli amici non è un racconto da leggere tutto d’un fiato; non è neppure una raccolta di aneddoti da cui farsi ispirare. È un manuale. Un manuale da leggere e rileggere su come sviluppare relazioni migliori con gli altri. 

Fondamentalmente Carnegie insegna, riga dopo riga, come funziona l’essere umano. 

I due princìpi chiave che mi hanno fatto riflettere maggiormente si trovano nella prima parte: come trattare gli altri, se vogliamo creare una buona relazione con loro.

A prima vista, possono sembrare sciocchi, ma mettere in pratica questi princìpi è tutt’altro che banale, e può davvero cambiare il tuo mondo.

Uno

Se vuoi raccogliere miele, non prendere a calci l’alveare

Il segreto non-segreto, che ci viene svelato per primo in questo libro sulla psiche umana è: a nessuno piace essere criticato.

Quanto è banale in una scala da 1 a 10?

Eppure quante volte critichiamo le persone che amiamo? Io lo faccio di continuo. Critico mio marito Davide se non prepara la lavastoviglie come piace a me; critico mia madre perché non vuole smettere di fumare; critico un amico negazionista perché crede a qualsiasi complotto gli passi davanti.

Cosa ho mai ottenuto da queste critiche? Nulla? Risposta errata. Ho ottenuto un sacco. Un sacco di cose che non volevo! Un peggioramento nelle relazioni, prima di tutto.

Parafrasando l’autore: Criticare è inutile, mettiamo l’altra persona sulla difensiva, ne feriamo l’orgoglio e colpiamo il senso di importanza che ha di sè.

 La critica è inutile perché mette le persone sulla difensiva e le induce immediatamente a cercare una giustificazione.

La natura umana è quella di criticare tutti ma non se stessi. Siamo fatti così. Quindi quando critichiamo un altro, otteniamo l’esatto opposto di quelle che sono le nostre intenzioni. Una persona criticata si difenderà, giustificherà le proprie azioni e non accoglierà il nostro suggerimento, per quanto possa essere ragionevole e veritiero.

Spesso ci dimentichiamo infatti che non stiamo avendo a che fare con ‘creature dotate di logica’; al contrario, l’essere umano è profondamente una ‘creatura emotiva, piena di pregiudizi e motivata da orgoglio e vanto’. 

Non è un bel quadro. Ma vi sembra sbagliato? 

Io di certo sono una creatura emotiva, piena di pregiudizi e motivata da orgoglio e vanto: se vengo criticata posso assicurarvi che la mia risposta non sarà né logica né razionale. 

Voi di solito come reagite alle critiche?

Magari voi siete l’eccezione: l’unica creatura razionale, al contrario del resto del mondo. Se lo siete davvero, smettete di usare la critica con gli altri se davvero volete provocare un cambiamento: è inutile e controproducente.

Due

Sii tanto propenso a lodare quanto restio a trovare difetti. [C.M. Shwabs]

Ricordate l’ultima volta che avete fatto un complimento a qualcuno? L’ultima volta che avete apprezzato sinceramente il vostro partner, vostra figlia, un amico?

Se è passato un po’ di tempo riflettete un attimo: davvero in tutte queste settimane, mesi, anni, non hanno fatto niente che meritasse di essere apprezzato?

Non credo. Molto più probabilmente voi, come me, cadete nella trappola di soffermarvi su tutto ciò che non va bene, e mai invece sulle cose positive.

A ogni minima azione che non ci soddisfa siamo pronti a criticare, perdere le staffe e lamentarci. Ma se chi ci è vicino compie qualcosa di buono cosa facciamo?  Un pensiero vago di apprezzamento gira nella nostra testa per una frazione di secondo; poi scompare senza lasciare traccia. 

Da quando ho preso coscienza di questo mi sta capitando molte volte di ritrovarmi a pensare qualcosa di positivo di un’altra persona, ma mi rendo conto di soffocare il pensiero dentro di me prima di comunicarlo. 

Penso: sarebbe troppo strano fare un complimento adesso; oppure: mi vergogno, non è nel mio stile, magari poi pensano che sto esagerando, che lo faccio per ottenere qualcosa,… bla bla bla. Mi riempio la testa di chiacchiere, cerco, e trovo, mille motivi per cui è meglio tacere e non condividere le cose positive che penso di una persona, una circostanza, un’azione, un’opera. 

Vi è mai capitato?

Magari non ci viene in mente in quel momento, ma quell’apprezzamento che abbiamo in testa potrebbe migliorare la giornata di chi ci sta vicino; Magari quel complimento, se ricevuto, potrebbe essere la cosa migliore capitata in una brutta giornata.

Perché ci ostiniamo a tenerci per noi le cose belle che pensiamo degli altri?

Tutti noi siamo affamati di approvazione; nutrire questa fame negli altri, con complimenti sinceri, non falsi o artefatti, migliorerà la loro vita, e di conseguenza la nostra relazione con loro. Un piccolo apprezzamento dopo l’altro può provocare una valanga di positività e motivazione; può spronare al miglioramento molto più di qualsiasi critica.

Non c’è niente che deprima di più una persona delle critiche. Io non critico mai nessuno [..] se voglio che una cosa sia fatta, non ho paura di abbondare in sincera approvazione e lodi [..] dei meriti di ciascuno [C.M. Shwabs]

Mettere in pratica questo principio può venirci facile con alcune persone, e più difficile con altre. A volte abbiamo a che fare con persone che non ci piacciono particolarmente, parenti, amici di famiglia, colleghi.

In questo caso potrebbe tornarci utile il consiglio di Emerson: “Ogni persona che incontro mi è superiore in qualche modo”: trova in cosa questa persona è più brava di te, e non solo imparerai qualcosa di nuovo, ma ti sarà più facile trovare i personali meriti di questa persona da lodare.


Queste sono le mie prime riflessioni su questo libro; niente di trascendentale, ma mi ha aiutato a diventare più consapevole di come tratto gli altri, e sul perché spesso non ottengo quello che cerco in una relazione affettiva. La perfezione non esiste, ma da oggi cercherò di dare più spazio alle lodi che alle critiche. E voi?

Non parlerò male di nessuno, e dirò tutto il bene che posso di tutti. [B Franklin]